Qui trovi gli aggiornamenti sull'avanzamento del progetto:
Divinissimi Assi
Aggiornamento #8  del 2024-04-20
Non raccontiamoci frottole: il libro lo si sceglie anche dalla copertina!

La scatola, o in gergo "tuck", è la copertina del mazzo di carte.
Qui in due colorazioni, perchè l'ambizioso progetto è di realizzarlo in due colori.

Ma non è l'unica novità, ma prima è il momento di FESTEGGIARE:

Abbiamo raggiunto e superato il primo obiettivo: le 250 pre-adesioni.
Ora è il momento di darci dentro: se ognuno di noi riesce a convincere 2 amici, il gioco è fatto.
Per vedere la classifica corsi, ora dominata dei giovani, andate al solito link:
Ora torniamo alle novità:

Sono sparite le scritte sulle carte, sia perché divenivano troppo piccole, sia perché si andava incontro ad abbreviazioni che ne compromettevano l'estetica. Senza parlare del putiferio scatenato in diverse chat dalle locuzioni declinate al femminile.
Come progettista e designer sono sempre disposto ad esercitare l'antica e trascurata arte del dubbio. Il dubbio di aver imbroccato una strada sbagliata, il dubbio di non aver ascoltato tutte le voci o quello di non aver trovato una soluzione che mettesse tutti d'accordo.
Fermo restando che in questo progetto l'ultima parola è sempre la mia, perché al timone ci sono io, ritengo di aver trovato la soluzione perfetta.

Inoltre le carte, in nome di una maggiore fruibilità nel gioco, sono ritornate ad una suddivisione di genere legata alla rappresentazione classica deigli indici J, Q e K.

Sui semi  delle figure (Picche, Cuori, Fiori e Quadri) ho inserito un' Ancoretta, ora più visibile, per indicare gli allievi del Collegio Navale, e una Stelletta per indicare gli allievi della Scuola Navale.

A proposito dei giri di corsa

Confesso che è stata anche per me una sorpresa scoprire che i primi corsi non correvano con i pugni al petto, cosa che davo erroneamente per scontata.
Quindi non capivo quando ex-allievi più antichi di me, a proposito della carta del pivolo che corre, mi dicevano "ricordati anche di noi dei corsi più anziani".
Ad ogni modo con queste carte chredo di aver coperto diversi anni, poi è ovvio che trattandosi di una sintesi è impossibile accontentare tutti.
Comunque per chi si fosse perso la diatriba la storia è questa: i primi corsi correvano con i pugni vicino al petto e i gomiti abbastanza serrati, ma non conn i pugni al petto.
Questa modifica dovrebbe essere comparsa agli inzi degli anni '90, ma vi riposto una sintesi della narrazione dell'Ammiraglio Alessandro Picchio

"Cari Divinissimi, in Collegio fino al 1970 non si correva con i pugni al petto. Neppure in Accademia (quindi anche al Morosini) fino al 1978 sicuramente. L'innovazione dei pugni al petto fu introdotta in Accademia nei primissimi anni '80 per iniziativa di un ufficiale (non rivelo il nome) che aveva avuto forti influenze dall' esercito (ex Nunziatella); oltre alla corsa con i pugni al petto fu introdotta la risposta ad un superiore "comandi"...
Nonostante le opposizioni interne di molti ufficiali in Marina "pugni al petto" e "comandi" sono divenute purtroppo una realtà anche nella MMI, che personalmente ho sempre rifiutato e cercato di abolire . . . Senza successo purtroppo!!
Oggi si corre con i pugni al petto, si dice ogni piè sospinto "comandi", ma la sostanza . . . ???
Al Morosini i pugni al petto e comandi furono introdotti più o meno nello stesso anno dell'Accademia, quindi primissimi anni '80.
Questa è un po' di storia della Marina, degli ultimi 40 anni . . ."



Pale a Prora, con e senza "Ohhh"?

L'Ammiraglio Vittorio Cusmai, ovvero colui che ha trascorso più anni al Navale di tutti (Allievo corso Phenix, Comandante ai Corsi ultimo anno Gemini e poi Excalibur, e infine Comandante del Collegio) ha posto una domanda interessante:

...Mi piacerebbe sapere in che anno è  stato cambiato (chiedere il perché penso sarebbe troppo!!): il Pale a Prora prima terminava con un oh-issa con la o molto lunga,  successivamente la o è  sparita e si urla solo issa. Si è  sentito nettamente  (e non è  stato un bello spettacolo, a mio insignificante parere) in Piazza San Marco la differenza acustica tra il pale a prora dei corsi anzianotti e il pale a prora dei giovanotti. Dato che il Collegio/Scuola non ha mai avuto interruzioni, deve esserci stato un corso che l'ha cambiato. Qualcuno ne sa qualcosa di più?...
Questa domanda non ha una facile risposta, comunque incrociando i diversi e umerosi messaggi ne è emerso che:
- Nei primi corsi fino agli anni 80 la "O" era molto pronunciata.
- Nella seconda metà degli anni '80 la "O" rimaneva ma si affievoliva.
- Intorno al 1987 pare che si sia iniziato ad urlare solo Issa.
- Oggi la situazione è che i corsi che entrano nell'anno pari non la pronuncino, mentre i corsi che entrano nell'anno dispari la pronunciano.

Il mio parere, da allievo degli anni '90 che non la pronunciava, è che andrebbe ripristinata, perchè meglio descrive l'azione stessa di issare i remi.
Ma ripeto, è una mia idea, probabilmente così radicata da modificare i mei ricordi stessi. Quello di una fantasia galloppante è da sempre stata la mia caratteristica, del resto se non l'avessi non ci sarebbe questo progetto.

Bene, procedo spedito e chissà cosa riuscirò a mostravi la prossima settimana...
Pale a Prora!

Ardo Quaranta
Aggiornamento #7  del 2024-04-13
Ciao Anzianissimi!

Come avrete notato ho completato la carta K di Cuori, e ho aggiunto le tre caviglie del terzo corso tra il K e il Cuore nell'indice della carta.
Bello? Sì, ma mi ha fatto sorgere dei dubbi, ve ne parlo più sotto.

Principalmente questa settimana ho ripreso in mano il retro delle carte semplificandolo. Uno scenario molto realistico prevede che non riusciremo a raggiungere i  numeri necessari per la stampa di due mazzi con finiture oro. Da qui la necessità di disegnare il retro in due colorazioni semplici.
Inoltre, sempre sul retro, ho ritenuto  necessario ridisegnare Camillo per adeguarlo al tratto grafico più pulito del resto della carta. Probabilmente è una cosa che sarebbe passata inosservata, ma che volete: sono i dettagli a fare la differenza.
Quindi ecco il nuovo Camillo!

Altri crucci
Può capitare, durante la stesura di un progetto, di fermarsi a riflettere e mettere in discussione tutto ciò che prima era una granitica certezza.
Fino a ieri mi ero posto come obiettivo di rappresentare le tre classi di allievi nei tre indici delle carte: Jack = Pivoli, Queen = Anziani, e King = Anzianissimi.
Questa idea porta a delle carte che si dissociano dai mazzi  moderni presentando figure femminili anche nel Jack e nel King...
Da qui la ricerca di una rappresentazione che fosse più fedele all'iconografia classica delle carte.
Su questo tema non ho ancora nulla da mostrarvi: sto lavorando a dei bozzetti e devo confessare che rinunciare ad un'idea in cui mi ero radicato non è facile.
Permane comunque l'idea di fare un mazzo di carte rappresentativo di tutti i corsi.
Per i più giovani
Lo sapete che per un certo lasso di tempo i pantaloni della divisa da casa estiva erano dei jeans a zampa d'elefante? Negli anni '90 erano una merce preziosa che solo pochissimi potevano sfoggiare.
Anzianissimi: avete qualche foto da condividere?
Aggiornamento #6  del 2024-04-06
Ciao, come avrete notato ci sono i bozzetti di tutta le serie di Cuori ispirata alla Franchigia, o libera uscita.
Questa settimana ho combinato poco e anche la prossima non andrò molto avanti: sarò a Bologna alla Fiera del libro per Ragazzi dove io e Pico, mio compagno di corso e coautore, presentiamo il nostro ultimo libro.

(Ok questo è un messaggio estemporaneo che con le carte non centra nulla ma, se per caso siete in fiera passate a trovarci.
Saremo nel Padiglione 26 stand A70 - Libri volanti editore.
La collana che abbiamo ideato si chiama "Rime con i Baffi" e si tratta di libri illustrati per bambini, se volete saperne di più trovate tutto qui:
https://linktr.ee/ardoqandpico)
Torniamo alle carte:
ho aggiunto una pagina con le foto che mi sono arrivate, più alcune che ho fatto io, trovate tutto qui:
Aggiornamento #5  del 2024-03-30
 Inizio col ringraziare tutti coloro che nei giorni scorsi hanno risposto al sondaggio sulla prima franchigia da pivoli. Grazie speciale a Stefano Rendina Corso 61-64 che mi ha girato  anche le foto!

Sto lavorando alla serie dei Cuori di cui avete visto un'anteprima.
Come avrete intuito questa serie è dedicata alla franchigia, o libera uscita.
Nel Jack, o fante, come al solito è dedicato al primo corso.
In questa carta si vede un Pivolo anni '60  e una Pivola del 2024  che si lasciano sorpendere dall'impossibile incontro di due epoche diverse.

Per la Donna e il Re... nei prossimi giorni vi presento i bozzetti.

Mi è arrivato un mazzo prodotto in Spagna dallo stabilimento di Fournier, che vedete qui sotto.

Sto pensando di togliere la finitura oro dal retro dei mazzi per conservarla sulla scatola, questo per rendere più abbordabile il progetto.
Come sempre la differenza la fanno i numeri, approfittatene degli auguri di Pasqua per sentire un vecchio amico.
Aggiornamento #4  del 2024-03-23
 Lo scorso fine settimana ho saltato gli aggiornamenti: sono andato al Festival della Magia di San Marino dove ho preso contatto con dei produttori di carte da gioco. che vi mostro qui sotto:
Ma prima vediamo le ultime novità:
Ho ultimato la serie PICCHE, che trovate ben esposta nella pagina DIVINISSIMI ASSI
Ma vediamo nel dettaglio un po' di mazzi...
I ragazzi di Parama Playing Cards realizzano mazzi di carte, ho comprato il mazzo Aphelion con il dorso nero, c'è anche bianco, che è impeccabile e che vedete qui sotto.
Questo mazzo è stampato negli USA da Bicycle.
Scatola Tuck con stampa 1 colore + Oro
Retro e fronte con dettagli in stampa Oro da CMYK, meno brillante della scatola ma anche meno costosa.
I ragazzi di ASSOKAPPA realizzano da anni, sempre con lo standard qualitativo Bicylce, mazzi di carte da gioco che vengono distribuiti sui loro punti vendita e sul web. Qui di sotto il mazzo di carte "Black Flower".
Retro e fronte con dettagli in stampa Argento.
Stampato da Bicycle negli stabilimenti in Spagna.
I ragazzi di Jocu Playing Cards realizzano mazzi bellissimi stampati da Cartamundi. Qui sotto alcune foto.
Il mazzo "Under the Moon" si presenta senza cellophane.
é stampato da Cartamundi, società inglese con sede anche in Italia. La produzione fino all'anno scorso era in Belgio, da quest'anno è in Spagna.
Scatola Tuck con stampa 1 colore + Argento + Rame.
Retro e fronte con dettagli in stampa CMYK +  Argento + Rame.
Tra i produttori italiani ho chiesto dei preventivi anche a Modiano e Dal Negro.
ma al momento ho ricevuto solo risposte parziali.
Aggiornamento #3  del 2024-03-08
Prosegue il disegno dei dorsi dei mazzi, non siamo ancora arrivati al punto finale.
Probabilmente servirà un altro passaggio per uniformare lo stile di Camillo, il Leone alato, al Fregio Morosini.

Presento in oltre in anteprima gli schizzi della serie figure di Picche.

Flash: Ho avuto una chiacchierata con Filippo Cigala Fulgosi dell'Assomorosini, sull'uso di loghi e stemmi e... la situazione è complicata, ma non è seria.
Nei prossimi giorni pubblicherò qui un aggiornamento sul caso.
Back to Top